Ventotene: viaggio verso un’isola dove il tempo sembra essersi fermato

Ventotene

Ventotene è la seconda isola più importante dell’Arcipelago delle Pontine (o Ponziane) ed è, insieme a Ponza, l’unica abitata tutto l’anno.

 

L’isola

Ventotene si trova in provincia di Latina ed è il più piccolo comune dell’Italia centrale, nonché quello più a sud del Lazio. Fa parte del comune anche la piccola e disabitata isola di Santo Stefano. Meta turistica ambita da molti, i suoi poco più che seicento abitanti diventano molte migliaia durante il periodo estivo, quando dalle coste laziali sbarcano turisti attirati dalle acque cristalline, dalla natura ancora selvaggia e dalla bellezza dei suoi panorami.

 

Un luogo dove il tempo si è fermato

Il fascino di Ventotene risiede soprattutto nel suo aspetto di isola dove il tempo sembra essersi fermato: il suo paesaggio naturale e urbano non è molto differente da quello di duecento anni fa.

  • Ci sono solo due strade che dal centro cittadino percorrono tutta l’isola.
  • La vita si svolge tra le numerose spiagge, le cale e, di sera, intorno a piazza Castello e il porto, dove ci sono quasi tutti i negozi e i ristoranti di Ventotene.

Non mancano le testimonianze storiche, quasi tutte di epoca romana:

  • Il porto scavato nel tufo;
  • La peschiera usata per l’acquacoltura;
  • Le cisterne per raccogliere l’acqua piovana (a Ventotene non c’è una fonte);
  • I resti dell’acquedotto.

 

Le località principali

Ventotene è piccola, meno di tre chilometri di costa, quindi ha solo due grandi frazioni che corrispondono all’isola di Ventotene stessa e la vicina Santo Stefano. Oltre ad essere un paradiso naturale disabitato, Santo Stefano merita una visita per la presenza dell’ex ergastolo di stato, una prigione di origine borbonica che fino al 1965 ha svolto la funzione di colonia penale.

 

Fonte immagine: Di Cats094 – Opera propria, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=7638241

Articoli correlati