L’incredibile natura dell’isola di Zannone

Tra le Isole Ponziane, l’isola di Zannone è l’unica ad aver conservato una ricca vegetazione mediterranea, particolarmente rigogliosa, habitat naturale per molte specie animali e vegetali, alcune delle quali a carattere endemico come, il muflone, introdotto negli anni ’20 dello scorso secolo. Per tutte queste sue peculiarità è entrata a far parte del Parco Nazionale del Circeo nel 1979 ed è oggi una meta particolarmente apprezzata dagli amanti di birdwatching, data la presenza di molte specie di uccelli migratori.

La meravigliosa Isola di Zannone:

La flora lussureggiante dell’isola di Zannone

La flora rigogliosa dell’isola di Zannone è tipicamente mediterranea con ginestre, mirto, erica arborea e olivastro; ma tende a cambiare a seconda dell’altitudine e dei versanti dell’isola. Lungo la scogliera si trova il profumatissimo elicriso, che salendo in altitudine viene sostituito dal lentisco, mirto ed erica. Continuando la salita, la vegetazione è composta per lo più da fillirea, euforbia, cisti e ginestre che lasciano, poi, il posto a corbezzoli e lecci. La vegetazione cambia notevolmente sul versante settentrionale: qui il numero di specie diminuisce, sostituite da un vero e proprio bosco di leccio, con un sottobosco di erica e alloro. Una delle specie vegetali endemiche dell’isola di Zannone è il Limonium pandatariae, pianta tipica degli ambienti costieri salati o salmastri, diffusa sulle rupi in prossimità del mare. I limoni, detti anche statici, sono particolarmente tutelati a livello globale perché spesso da questa specie si sviluppano endemismi, preziosi per la biodiversità a livello mondiale. Una flora lussureggiante quella dell’isola di Zannone, fatta per lo più da arbusti mediterranei, con un’unica eccezione: sull’isola ponziana è presente un’unica specie caducifoglia, la quercia castagnara. I fondali marini riflettono la rigogliosità terrestre: la ricca presenza di gorgonie e posidonie, fanno dell’acque dell’isola di Zannone, il paradiso per amanti di diving e snorkeling.

Uccelli, lucertole e mufloni: la fauna endemica dell’isola di Zannone

La ricca vegetazione fa di Zannone la meta ideale per il transito di diverse specie di uccelli migratori. Oltre alle specie più comuni, sono presenti il falco pellegrino e il falco della palude. Quest’ultima è una specie di rapace molto rara e, per questo tutelata, che tende a nidificare tra i canneti ai bordi degli stagni, da cui il nome. Tra gli uccelli che nidificano sull’isola di Zannone ci sono il gabbiano reale, la berta maggiore e quella minore e il passero solitario. Di passaggio, invece, l’albanella minore, la tortora, il codirosso, la rondine e l’averla capirossa. Gli edemismi animali riguardano per lo più specie rettili, come la lucertola nera, e alcuni insetti appartenenti alle famiglie di lepidotteri e ortoetteri. Sull’isola vive anche una piccola colonia di mufloni che venne introdotta direttamente dalla Sardegna nel 1922 per scopi venatori e ripopolata fino al 1971. L’isola di Zannone rappresenta un paradiso per gli amanti della natura ed è raggiungibile solo via mare dal porto di Ponza o dal porto di Ventotene.

Photo credits:

Foto di er-cip da Wikimedia

Articoli correlati

26 Aprile 2024

Posti da visitare

I giardini botanici di Ponza

4 Aprile 2024

Posti da visitare

Ponti primaverili: Ponza o Ventotene, quale scegliere

15 Febbraio 2023

Posti da visitare

Un itinerario spirituale tra Ponza, Ventotene Palmarola e Zannone

Prenota il traghetto per le Isole Pontine con TraghettiPer

Metodi di pagamento
Certificazioni