Consigli di viaggio per Ventotene: 12 cose da vedere

Che la vostra visita a Ventotene duri un giorno, un weekend o sia una vera e propria vacanza, che siate dasoli, in coppia o con tutta lafamiglia, qui troverete tutti i consigli sulle cose da vedere in questa nota meta turistica dell’arcipelago delle isola Pontine.

Ventotene, con il suo territorio di appena 1,75 km2 è un piccolo scrigno di cose da vedere nel bel mezzo del Mar Tirreno. Le sue spiagge sono l’attrazione storica che ha richiamato i turisti durante il periodo estivo. Ma questa destinazione balneare offre anche qualcosa in più.

Le 12 cose da vedere a Ventotene

  1. Le spiagge di Ventotene. Le prime cose da vedere durante un viaggio a Ventotene sono le sue attrazioni principali: le spiagge. Questa piccola isola, con i suoi 3 km di costa, offre la possibilità di rilassarsi su belle spiagge e d’immergersi in un mare stupendo.
  2. Il porto di Ventotene. Il porto è il luogo in cui trascorrere la serata sull’isola. Ristorantini, bar e locali danno la possibilità di degustare le specialità dell’isola o di sorbire un drink ammirando il via-vai dei pescatori.
  3. Area Marina Protetta Isola di Ventotene e Santo Stefano. Il risultato dell’istituzione della riserva è ciò che potete vedere guardandovi attorno una volta raggiunta Ventotene. Grazie all’area protetta, si preserva la natura dell’isola e si promuovono quelle attività sostenibili che mantengono l’equilibrio tra economia e natura.
  4. Il Museo della Migrazione e Osservatorio Ornitologico. Espressione museale dell’Area Marina Protetta, questo centro è dedicato gli appassionati di ornitologia e ai semplici curiosi in visita a Ventotene.
  5. Il Castello e il Museo Archeologico di Ventotene. La sua costruzione risale al XVIII secolo, durante la dominazione borbonica. Oggi è sede del Municipio e del Museo Archeologico di Ventotene. Lì si può ammirare la ricostruzione dell’isola all’epoca dei Romani e si possono apprezzare i reperti archeologici esposti che testimoniano l’importanza dell’isola nelle rotte economiche del Mediterraneo.
  6. La chiesa di Santa Candida. Centro spirituale dell’isola, questa chiesa è anche il fulcro della Festa di Santa Candida (20 settembre): un momento molto sentito dalla popolazione di Ventotene.
  7. Il carcere di Santo Stefano. L’isola di Santo Stefano, a partire dal 1795 (durante l’epoca borbonica), venne adibita a carcere, con la costruzione di un penitenziario oggi non più in uso. Le mura del carcere potrebbero raccontare storie di avventure e rivolte che vi invitiamo a scoprire continuando a leggere il Magazine.
  8. Le cisterne romane. Un sistema di cisterne risalenti all’epoca romana che serviva per garantire all’isola un adeguato approvvigionamento idrico, dato che l’isola è priva di sorgenti adeguate.
  9. Il porto romano. Il porto vecchio di Ventotene è uno dei tanti esempi della capacità ingegneristica degli antichi Romani. È stato costruito in una rientranza artificiale che consentiva l’entrata d’imbarcazioni mercantili di modeste dimensioni. Oggi è la location perfetta per una passeggiata a fine giornata.
  10. Villa Giulia. Si trova sul promontorio di Punta Eolo ed è uno scavo suggestivo, dato che è possibile, dai ruderi dei muri rimasti, immaginare la bellezza di questa villa di epoca romana, nata come residenza estiva imperiale e destinata all’esilio d’importanti donne dell’aristocrazia.
  11. Il Relitto di Santa Lucia e gli altri tesori sottomarini. L’antica degli insediamenti di Ventotene porta, in eredità, fondali ricchi di tesori tutti da scoprire. Tra le cose da vedere, per gli amanti del diving, ci sono sicuramente i relitti delle imbarcazioni (come quello di Santa Lucia, nei pressi di Punta Eolo) e i numerosi reperti archeologici che popolano il fondo dell’Area Marina Protetta.
  12. Il faro di Ventotene. Seppure il faro non rappresenti un’attrazione, il luogo è di sicuro interesse per chi volesse avere una vista suggestiva del tramonto sull’isola. Ai piedi del faro, tuttavia, si può notare alcune interessanti strutture: si tratta di tre vasche ricavate dalla roccia. Si tratta della pescheria che, in epoca romana, veniva utilizzata per l’allevamento dei pesci.

Dopo aver appuntato tutte le cose da vedere durante una visita a Ventotene, non rimane che completare l’organizzazione del viaggio scoprendo ciò che c’è da fare sull’isola e prenotando i traghetti e gli aliscafi più comodi per raggiungere Ventotene.

 

Fonte immagine: By Edoardo from Monza, Italy ([The Sea]) [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Wikimedia Commons