Tradizioni di Ventotene: la storia e la festa di Santa Candida, patrona dell’isola

Santa Candida Ventotene

L’immagine è un dettaglio dell’illustrazione Artemio, Candida e Paolina davanti ai santi Marcellino e Pietro (del XV secolo). La donna alla destra di Artemio è Santa Candida, patrona di Ventotene. Il suo culto, la sua storia e la festa che le viene dedicata sono parti fondamentali della cultura e delle tradizioni dell’isola.

 

La storia della santa

Durante il regno di Diocleziano (anno 302), Artemio era il custode del carcere dove era rinchiuso Pietro l’esorcista. La figlia di Artemio, Paolina, era posseduta da un demone. Pietro sfidò Artemio: gli disse che, se Dio lo avesse liberato dalle catene, Artemio si sarebbe convertito.

Artemio tornò a casa e, deridendo Pietro, raccontò l’accaduto a sua moglie Candida (la quale, invece, sperava che Pietro riuscisse a salvare sua figlia). Fatto sta che Pietro comparve loro davanti e, con la croce, scacciò il demone dal corpo di Paolina.

Artemio, Candida e Paolina si convertirono, facendosi battezzare da Marcellino. In quell’epoca, i cristiani era perseguitati e quindi il giudice Sereno li fece arrestare. I tre non rinnegarono la loro fede. Allora, il giudice Sereno fece seppellire vive le due donne in un grotta e, tempo dopo, face decapitare Artemio.

Secondo la leggenda, il corpo senza vita di Candida, recuperato dai Romani e gettato in mare, sarebbe stato ritrovato sulla costa di Ventotene.

 

La festa

Tra il 10 e il 20 settembre di ogni anno, la popolazione di Ventotene tributa una grande festa alla santa patrona. I due momenti più suggestivi sono la gara delle mongolfiere di carta (che si svolge il 19 settembre e alla quale partecipano numerose “scuole”) e la processione dedicata alla santa (che comincia alle 7:00 del 20 settembre e coinvolge tutti gli abitanti dell’isola).

In aggiunta ai due momenti principali, i dieci giorni della festa di Santa Candida sono un susseguirsi di spettacoli in piazza, giochi all’aperto e degustazione di piatti tipici.

 

Fonte immagine: Di Buchmaler – Portal Ökumenisches Heiligenlexikon https://www.heiligenlexikon.de/BiographienM/Marcellinus2.html, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=16179197

Articoli correlati