Trascorrere il giorno di Pasquetta sull’isola di Ventotene: 3 consigli

Pasquetta a Ventotene

Il giorno di Pasquetta si avvicina. E, visto che avete sempre desiderato visitarla, state pensando di approfittarne per vedere l’isola di Ventotene. In questo caso, abbiamo tre suggerimenti che vi permetteranno di organizzare questa piccola vacanza nel modo migliore.

 

1. Come arrivare

Ponza si raggiunge in traghetto. Durante tutto l’arco della giornata, in particolare in primavera e in estate, ci sono diverse partenze in programma, sia per sia dall’isola: così, e prenotando con un po’ di anticipo, potrete scegliere gli orari più consoni alle vostre esigenze.

Per quanto riguarda i porti di partenza per arrivare sull’isola di Ponza, i principali sono:

  • Formia;
  • Terracina;
  • Anzio;
  • Napoli;
  • Ischia.

I porti di Formia, Terracina e Anzio sono facilmente raggiungibili in auto e ci sono diversi parcheggi a disposizione.

 

2. Cosa vedere

Avete scelto porto e orario di partenza e prenotato il biglietto? Allora, la vostra Pasquetta è pronta per cominciare. Perché, se Ventotene è una delle isole più visitate (in primavera così come in estate) del Mar Tirreno, un buon motivo dovrà sicuramente esserci. E potreste scoprirlo seguendo questo itinerario con le cose da vedere in un giorno:

  • Cala Nave;
  • Le cisterne romane;
  • Il porto romano;
  • Villa Giulia;
  • Il porto di Ventotene.

In cinque tappe, avrete la possibilità, in un solo giorno, di vedere alcuni dei posti più belli che l’isola di Ventotene riservi a tutti i suoi visitatori: un mix unico di storia, natura e panorami.

 

3. Cosa mangiare

Seguendo l’itinerario che abbiamo appena dato, camminerete tanto. E camminare tanto mette anche fame. Se a questo aggiungete che un viaggio non può dirsi completo senza degustare i piatti tipici del posto, ecco che possiamo darvi l’ultimo consiglio per trascorrere il giorno di Pasquetta: assaggiare le specialità culinarie di Ventotene, come linguine con granchio fellone e zuppa di lenticchie.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/weppos

Articoli correlati