Immersioni a Ponza: questi sono i 10 siti più belli per il diving

ponza-immersioni

Si tratta di una delle cose da fare assolutamente durante una vacanza a Ponza. Che siate dei diver esperti o dei beginner che metteranno muta e bombole per la prima volta, poco importa, perché ce ne sono di varia difficoltà. Una sola cosa è certa: queste sono le dieci immersioni più belle che si possano fare a Ponza.

  1. Le Formiche. Un gruppo di scogli che, secondo molti diver, rappresenta l’immersione più affascinante dell’isola. A trenta metri di profondità ci sono diversi canaloni. Il gradone scende fino a cinquanta metri di profondità, dove il fondale è popolato da gorgonie rosse, cernie e murene.
  2. Punta della Madonna. Si trova vicino al porto ed è sempre molto tranquilla. È un grande faraglione e l’immersione si svolge lungo la sua parete, raggiungendo la profondità massima di venti metri. È un’immersione molto semplice.
  3. Punta della Guardia. Una franata che arriva fino a 42 metri di profondità. Da un lato e dell’altro, è popolata da saraghi e cernie.
  4. Scoglio Rosso. Anche questo punto si trova a poca distanza dal porto di Ponza, di fronte alle grotte di Pilato. Per la sua vicinanza alla costa, è ricchissimo di vita sottomarina: saraghi, cernie, spugne.
  5. Secca di Mezzogiorno. Si trova a circa un miglio dalla piccola isola di Palmarola. La secca sale a una profondità che varia dagli ottanta ai quaranta metri. Gorgonie rosse, murene, aragoste e cernie sono i suoi “abitanti”.
  6. Relitto LST 349. Come tutte le immersioni in relitto, è ad appannaggio dei diver più esperti. Posto a 26 metri di profondità, il Landing ship tank è una nave a fondo piatto che affondò nel 1943. Si trova nel braccio di mare tra Ponza e Palmarola.
  7. Scoglio della Botte. A circa otto miglia marine da Ponza. L’immersione si svolge all’interno di due grotte, la prima a 27 metri di profondità, la seconda a 36. Potrebbe essere ribattezzata “l’immersione dei gamberi”: le due grotte, infatti, ne sono ricche.
  8. Secca dei Mattoni. Sul versante occidentale di Ponza, la secca dei Mattoni è un’interessante immersione: adatta ai diver di qualsiasi livello, la secca s’innalza da un fondale sabbioso a trenta metri. Nelle vicinanze c’è il relitto di una nave romana.
  9. Punta del Papa. L’immersione consiste in una ripida parete, piena di spaccature, che scende fino a 36 metri di profondità. È conosciuta soprattutto per i brillanti colori delle numerose gorgonie.
  10. Cattedrali di Palmarola. Queste impressionanti grotte sul mare rappresentano anche una splendida occasione per una piacevole immersione.

Tra le immersioni più belle, avete scelto la vostra preferita? Allora, adesso dovete solo sapere come arrivare a Ponza e mettere in valigia tutto l’occorrente per il diving.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/macorig

Articoli correlati